CISCO Digital Network Architecture: il DNA digitale

Roberta Bianchi

3 Dicembre 2018

 

Photo credit: CC 2.0 Thomas Wensing

Da qualche tempo ormai le soluzioni per l’operations intelligence sono diventate strategiche per molti dei maggiori vendor nel campo del networking. In un mondo in cui stanno diventando imprescindibili non solo le macchine, ma il flusso dei dati e le loro relazioni, ecco che lo strumento di analisi e gestione del network si sposta dal luogo fisico a quello virtuale, installandosi direttamente nella rete. Il paradigma cambia. 

Cisco fa subito un passo in avanti e rilascia nel 2017, Cisco DNA: il DNA digitale per il corpo informatico dell’infrastruttura.

Cisco DNA rende onore al suo stesso acronimo (Digital Network Architecture), divenendo un codice genetico intelligente all’interno dell’infrastruttura IT. Permeante e capillare, secondo il pionieristico concetto dell’azienda che lo ha ideato, studiato e perfezionato per anni, introduce con decisione un nuovo concetto di rete, quella software-defined: l’intelligenza si sposta dall’hardware al software; tutte le attività di analisi dei dati e di predizioni delle minacce operano direttamente dal network. Non importa quanti e quali dispositivi si collegheranno all’infrastruttura aziendale: essi riceveranno l’imprinting del suo DNA, codificato nel software, e saranno da esso analizzati.

Ma c’è di più. Diversamente da come accade in natura, dove il DNA fornisce le informazioni per la costruzione della vita e dove ogni suo mutamento ed evoluzione è, di fatto, irregolare, accidentale e casuale, il DNA digitale di Cisco si comporta in maniera opposta, ovvero prevedibile e basata sulle informazioni raccolte dalla rete stessa, rappresentando un enorme vantaggio sul fronte delle performance e della sicurezza. Cosa significa? Che Cisco DNA è in grado, a partire dalle regole stabilite per device e utenti, non solo di analizzarne il comportamento in base a tipologia e contesto, ma di correggere, fermare e riparare possibili storture o anomalie, intuendo le operazioni necessarie.

Ma non solo. Il DNA Center offre al suo gestore il controllo della rete in tutte le sue funzionalità, automatizzando molte delle operazioni o riducendo in maniera netta l’intervento manuale. Capillarità e segmentazione della rete permettono così di gestire, attraverso il software dedicato, l’accesso di nuovi utenti e i relativi problemi di sicurezza o configurazione in maniera intuitiva e senza perdite di tempo.

Non meno importante è la capacità predittiva offerta dal Data Platform and Assurance, volto alla business intelligence e alla generazione di insight sulla base dei dati raccolti, che sono poi messi a disposizione nel DNA center in real-time. E c’è un aspetto davvero rivoluzionario: DNA Security utilizza il network direttamente come sensore per l’analisi in tempo reale e per elaborazioni intelligenti, con la massima granularità possibile e ottimizzando quindi le capacità predittive del sistema.

E a livello di privacy? La privacy non è un optional e Cisco DNA riesce ad eseguire un’analisi dei metadati all’interno del traffico crittografato, senza decifrarne il contenuto, di fatto individuando le possibili minacce nascoste nei malware senza ledere la privacy degli utenti.

Il valore della tecnologia è indiscusso e Cisco ha chiaramente fatto un balzi avanti rispetto agli altri: Gartner lo premia posizionando Cisco tra i leader nel suo Magic Quadrant per le Wired and Wireless Architecture 2018. Cisco DNA si inserisce in una strategia più ampia, che Cisco chiama Intent-Based Networking, di fatto quella che getta le basi per i network digitali di domani, che si adatteranno da soli agli obiettivi di business, informando e proteggendo l’azienda in maniera proattiva e predittiva.

Noi che con l’infrastruttura IT siamo nati, abbiamo colto subito il potenziale di questa innovazione: ormai vive anche nel network, le aziende hanno bisogno di una tecnologia adattiva, intelligente e predittiva, in sintesi, adatta al proprio DNA.

Queste sono solo alcune delle potenzialità offerte dal DNA digitale Cisco: la suite è ampia e in costante ampliamento. Per saperne di più clicca qui.

 

 

 

 


 

Articolo precedente

Gartner Top 10 Strategic Technology Trends for 2019 | seconda...

Articolo successivo

Novello 2018, com'è andata

In evidenza

Eventi

Roberta Bianchi

30 Novembre 2018

Novello 2018, com’è andata

Ieri, 29 novembre, è stato un giorno all’insegna dell’intelligenza artificiale: alla Tenuta Ruffino di Poggio Casciano, a Bagno a Ripoli (Firenze), clienti, prospect e appassionati del mondo AI si sono...

Continua

Roberta Bianchi

30 Ottobre 2018

#ergonevent Novello 2018 I presupposti dell’intelligenza artificiale

Alla Tenuta Ruffino di Poggio Casciano, a Bagno a Ripoli (Firenze) il 29 novembre 2018 Ergon organizza l’evento Novello 2018 | Storage, backup & operations for Artificial Intelligence: i presupposti...

Continua

Roberta Bianchi

12 Luglio 2018

Aperitivo di gruppo: il gruppo prende forma

In una location fantastica alle porte di Firenze, in una sera incantevole d’estate, il gruppo di Ergon, Estrobit, MediaSecure, Neboola prende forma. E che forma! Quella di nuovi eroi che...

Continua

© 2018 Ergon S.r.l. | Largo Guido Novello 1/C, 50126 Firenze (FI) | P.IVA 05526190482 | Capitale sociale € 220.000 | Powered by VillaConsulting