Gartner Top 10 Strategic Technology Trends for 2019 | prima parte

Redazione

13 Novembre 2018

Come sarà l’IT for business nel 2019? 

Caratterizzato da dispositivi intelligenti che offriranno servizi digitali sempre più penetranti in ogni luogo e in ogni momento della nostra vita. Noi chiamiamo tutto questo la rete digitale intelligente”. 

 Lo ha detto David Cearley, VP di Gartner al Gartner 2018 Symposium/ITxpo ad Orlando, Florida, introducendo le tendenze IT dell’anno a venire.

 

Rete. Digitale. Intelligente.

Tre parole a cui siamo apparentemente abituati da anni ma che stanno assumendo significati nuovi via via che la tecnologia evolve. Oggi lo sta facendo in modo sempre più spedito verso un futuro che sembra da fantascienza ma che in realtà è just around the corner.

 

Come sarà quindi il prossimo futuro? Ecco come lo vede Gartner in tre puntate, una per ciascuna componente della Rete Digitale Intelligente.

Partiamo dalla componente intelligente, ovvero quella del mondo informatico dominato dall’intelligenza artificiale, e affrontiamo le tre sotto-tematiche principali che lo compongono: device autonomi, analitica aumentata e sviluppo guidato dall’intelligenza artificiale.

 

Device autonomi

Che siano auto, robot o macchinari utilizzati in diverse aree di industria, agricoltura, servizi, i device autonomi usano l’intelligenza artificiale per eseguire compiti tradizionalmente eseguiti dall’essere umano. La raffinatezza delle azioni compiute è estremamente variabile, ma l’unica costante sicura è l’obiettivo di interagire nel modo più possibile naturale con i rispettivi ambienti. A oggi esistono cinque tipi di device autonomi: Robot; Veicoli; Droni; Apparecchiature; Agenti, operativi in mare, terra, aria e nel mondo digitale (ormai il digitale è un ambiente a sé stante); possono funzionare con diversi gradi di capacità, coordinazione e intelligenza. Ad esempio un drone può essere operato in remoto per coordinare le azioni di un robot agricolo impegnato a mietere il grano, oppure un’apparecchiatura, attraverso un agente intelligente, può recepire la dimensione del veicolo che sta imbarcandosi su un traghetto per coordinarsi con il sistema di ticketing per definire il costo del biglietto, oppure ancora un agente intelligente, in coordinamento con le informazioni dei veicoli e con gli aggiornamenti dei droni, può comandare semafori intelligenti in grado di smaltire il traffico congestionato.

 

Analitica aumentata

I dati, di tutti i tipi, da tutte le fonti, aumentano sempre e sempre più velocemente. Esplorare tutte le possibilità di applicazione del valore tratto dai dati diventa impossibile. Bisogna focalizzarsi su alcuni campi. L’analitica aumentata è il nuovo importante salto nella capacità di gestire dati: nel 2019 gli analisti proseguiranno nella sperimentare di algoritmi automatizzati per esplorare un numero sempre crescente di ipotesi per orientare le scelte di business. Entro la fine di questo decennio è plausibile prevedere che oltre il 40% delle attività di data science saranno automatizzate. E poiché l’analitica aumentata identifica e rimuove dagli algoritmi il pregiudizio personale, inserito anche involontariamente dalle aziende, il susseguirsi di analisi automatizzate potranno fornire soluzioni e scenari realmente unbiased prima impensabili. Il risultato? Il business sarà guidato quasi interamente dai risultati dell’analitica aumentata.

 

Sviluppo guidato dall’Intelligenza Artificiale

Siamo nel mondo degli strumenti, delle tecnologie e delle best practice che introducono funzionalità di intelligenza artificiale all’interno delle applicazioni IT e utilizzare la stessa intelligenza per creare strumenti per il processo di sviluppo. Questa tendenza si sta evolvendo su tre dimensioni:

 

Quella volta alla velocizzazione dello sviluppo. Gli strumenti utilizzati per costruire soluzioni di intelligenza artificiale sono nettamente migliorati grazie a funzionalità guidate dall’intelligenza artificiale stessa che velocizza le attività legate allo sviluppo stesso degli strumenti. Si tratta di un circolo virtuoso: la possibilità di accedere a processi di analisi avanzate, test automatizzati, generazione automatica di codice (tutte basate su intelligenza artificiale) accelerano così lo sviluppo di nuove applicazioni.

Quella finalizzata al business. Gli strumenti basati sull’intelligenza artificiale si stanno spostando dallo svolgere funzioni di assistenza e automatizzazione, prettamente tecniche, allo svolgere funzioni di analisi e comprensione del business, aumentando così il proprio livello di importanza nello sviluppo della applicazione stessa.

Quella che si rivolge agli sviluppatori. Chi si occupa di sviluppare i strumenti per costruire soluzioni di intelligenza artificiale si sta rivolgendo sempre meno ai datascientist (infrastruttura AI, framework AI e piattaforme AI) e sempre di più alla comunità di sviluppatori professionisti (piattaforme AI, servizi AI). Grazie a questo shift, lo sviluppatore professionista è oggi in grado di inserire modelli di intelligenza artificiale direttamente all’interno di una applicazione in via di sviluppo, senza dover passare dal coinvolgimento di un datascientist.

Entra quindi in gioco un nuovo concetto: l’AI-as-a-service. Cosa significa? Il mercato si sta spostando da un mondo gestito da datascientist a supporto degli sviluppatori a una realtà di sviluppatori che lavorano in maniera indipendente usando modelli predefiniti in modalità as-a-service. L’avvento della AI-as-a-service permetterà a un numero sempre maggiore di sviluppatori di accedere a questi strumenti e a una potenziale esplosione di applicazioni intelligenti, sviluppate anche da team non necessariamente strutturati.

 

E queste sono solo le prime tendenze per il 2019. Seguiteci per scoprire assieme a noi cosa ci riserva il prossimo futuro dal punto di vista di Strategie nel mondo IT e non dimenticatevi di partecipare al evento Novello 2018 proprio incentrato sui presupposti dell’intelligenza artificiale.

 

Articolo precedente

#ergonevent Novello 2018 I presupposti dell'intelligenza artificiale

Articolo successivo

Gartner Top 10 Strategic Technology Trends for 2019 | seconda...

In evidenza

Eventi

Roberta Bianchi

30 Novembre 2018

Novello 2018, com’è andata

Ieri, 29 novembre, è stato un giorno all’insegna dell’intelligenza artificiale: alla Tenuta Ruffino di Poggio Casciano, a Bagno a Ripoli (Firenze), clienti, prospect e appassionati del mondo AI si sono...

Continua

Roberta Bianchi

30 Ottobre 2018

#ergonevent Novello 2018 I presupposti dell’intelligenza artificiale

Alla Tenuta Ruffino di Poggio Casciano, a Bagno a Ripoli (Firenze) il 29 novembre 2018 Ergon organizza l’evento Novello 2018 | Storage, backup & operations for Artificial Intelligence: i presupposti...

Continua

Roberta Bianchi

12 Luglio 2018

Aperitivo di gruppo: il gruppo prende forma

In una location fantastica alle porte di Firenze, in una sera incantevole d’estate, il gruppo di Ergon, Estrobit, MediaSecure, Neboola prende forma. E che forma! Quella di nuovi eroi che...

Continua

© 2018 Ergon S.r.l. | Largo Guido Novello 1/C, 50126 Firenze (FI) | P.IVA 05526190482 | Capitale sociale € 220.000 | Powered by VillaConsulting